Aufrufe
vor 7 Monaten

BORA Magazine 02|2021 - Italian

BORA Magazine is published in 12 languages. It invites the reader to learn more about the BORA products and discover fascinating stories behind the brand.

VIVERE CUCINARE E MUSICA

VIVERE CUCINARE E MUSICA Nel raffinato ristorante “Lokschuppen” di Colonia-Mülheim si può ascoltare una discreta playlist di soul e jazz. JULIA KOMP Tutto tranne il rock Julia Komp, 32 anni, è stata la più giovane chef stellata della Germania. Ha ricevuto la sua prima stella Michelin all’età di 27 anni. Dopo aver vinto numerosi premi e aver viaggiato in tutto il mondo per diversi mes, Komp gestisce ora il raffinato ristorante “Lokschuppen” e il più casual “Anker 7” a Colonia- Mülheim. Mentre le sue nuove creazioni sono di ispirazione asiatico-orientale, il gusto musicale della sua cucina copre (quasi) tutti i generi: dalla musica leggera tedesca al latin pop e all’hip-hop. Cucinare è un lavoro creativo, con tutti i sensi. Ascolta sempre della musica cucinando? Sì, la radio o qualche playlist. Altrimenti manca qualcosa. È sempre stato così a casa mia. La prima cosa che faceva mia madre al mattino era accendere la radio. Influenza lo stato d’animo. La buona musica ti mette di buon umore. Soprattutto se si associa un’esperienza positiva alla canzone. Qual è la sua musica preferita mentre cucina? Nella nostra cucina ascoltiamo praticamente tutto, dalle canzoni d’amore tedesche alla salsa e alla musica di carnevale fino al rap francese. Ma di rock proprio non se ne parla. Abbiamo democraticamente respinto questo genere musicale con voto di uno a dieci. Sceglie degli album specifici? In realtà ascoltiamo sempre le stazioni radio locali 1LIVE o 1LIVE DIGGI. Su DIGGI si possono anche ascoltare canzoni che altrimenti non si sentirebbero spesso alla radio. E il sabato c’è sempre la WDR2 con la Bundesliga. A quel punto faccio la pausa per il pranzo. Preferisce una musica di sottofondo o magari anche seguire una canzone cantando ad alta voce? Alle volte cantiamo a squarciagola. Per esempio con la playlist che ascoltiamo la domenica sera mentre mettiamo in ordine. Ci sono brani dei *NSYNC e dei Backstreet Boys, praticamente la musica degli anni ‘90. Per cucinare pietanze di diversi paesi bisogna ascoltare la musica corrispondente di ogni paese? Detta così è un po’ esagerato. Però può essere d’aiuto. Nella playlist del dopo lavoro del Lokschuppen c’è sicuramente “Desert Rose” di Sting, una canzone con molto orientaleggiante. Cucinando ▸ Aya Nakamura Jolie Nana (R&B) ▸ Topic ft. A7S Breaking Me (Electronic) ▸ Revolverheld Mit dir chilln (Indie) Mangiando ▸ Ali Gatie What If I Told You That I Love You (Pop) ▸ Dennis Lloyd Nevermind (Alright) (Pop) ▸ Robin Schulz, Wes Alane (Electronic) Foto: Marvin Evkuran, Aryan Mirfendereski, Fabian Dietrich 18 RIVISTA BORA

FABIAN DIETRICH La domenica? Musica classica! Scoprire culture straniere, vivere avventure, raccogliere sapori. Fabian Dietrich è una persona con molte passioni. Una di queste è diventata la sua professione: la cucina. Sul suo foodblog “About Fuel” Dietrich parla di polenta con prugne al cardamomo, ravioli di fragole con crema alla menta e del perché BORA PURE lo ha salvato. È un tipo di persona che ascolta la musica mentre cucina? Sicuramente. Non c’è mai veramente silenzio nella mia cucina: Se non è musica, è un podcast. Oppure ci sono degli amici e chiacchieriamo. Com’è la sua personale colonna sonora per cucinare? Dipende dall’umore. Quando ho bisogno di preparare qualcosa in fretta, ascolto canzoni potenti che mi danno la carica. Ma quando la domenica cucino un tranquillo ragù alla bolognese, mi piace ascoltare della musica classica rilassante. La cosa migliore è trovare un tipo di musica che corrisponde alla velocità di cottura. Non si può mescolare il risotto sul fornello ascoltando musica da party. Cucinando ▸ Harry Styles Cherry (Pop) ▸ Drake Passionfruit (Hip-Hop) ▸ Frank Ocean Strawberry Swing (R&B) Mangiando ▸ Sam Cooke Fool’s Paradise (Soul) ▸ Majid Jordan Her (Pop) ▸ The XX Angels (Indie) La musica la influenza mentre cucina? Diciamo che non aggiungo spontaneamente più spezie solo perché sento una determinata canzone. Cucinare per me non è un processo rigido e lo stesso vale per la musica. Come compone i suoi piatti? Ho una “biblioteca del gusto” in testa dove immagazzino tutto quello che ho mangiato. Il sapore che ha una cipolla sottaceto o una cipolla marinata nel succo di limone? Quando cucino o quando creo delle ricette mi destreggio con diverse combinazioni di sapori. È un po’ come creare una playlist: si aggiungono canzoni e, nel migliore dei casi, viene fuori qualcosa di armonioso. Non per niente si parla di sinfonia del gusto! Oppure si può parlare note di sapore. Praticamente traggo l’ispirazione dalla mia libreria di sapori e combino diversi ingredienti di base, diverse complessità e condizioni. Il risultato deve essere perfettamente armonico. A volte mi basta sostituire un ingrediente e l’intero piatto assume un sapore completamente diverso. Praticamente come un remix? Certamente, in fin dei conti tutto c’è già stato. Le ricette classiche sono fantastiche. Ma voglio cucinare piatti che mi emozionino e mi diano qualcosa di nuovo, invece di riprodurre sempre la stessa canzone. Puoi trovare tutte le canzoni della playlist BORA su Spotify. Basta scansionare il QR-Code: cooking-lounge dinner-lounge RIVISTA BORA 19

BORA

© Copyright 2018 BORA Vertriebs GmbH & Co KG